1. Distribuzione temporale per durata residua contrattuale delle attività e passività finanziarie

Valuta di denominazione: Euro

Voci/Scaglioni temporali

a vista

da oltre 1 giorno a 7 giorni

da oltre 7 giorni a 15 giorni

da oltre 15 giorni a 1 mese

da oltre 1 mese fino a 3 mesi

da oltre 3 mesi fino a 6 mesi

da oltre 6 mesi fino a 1 anno

da oltre 1 anno fino a 5 anni

Oltre 5 anni

indeterminata

Attività per cassa

737.074

56.081

58.713

111.817

441.856

450.413

200.207

525.743

22.925

106

A.1 Titoli di Stato

-

-

-

-

9.972

298.040

70.450

147.067

-

-

A.2 Altri titoli di debito

-

-

-

-

9.006

9.985

42.080

315.251

-

-

A.3 Quote O.I.C.R.

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

A.4 Finanziamenti

737.074

56.081

58.713

111.817

422.878

142.388

87.677

63.425

22.925

106

- banche

101.366

17.000

10.000

3.021

-

-

-

-

-

106

- clientela

635.708

39.081

48.713

108.796

422.878

142.388

87.677

63.425

22.925

-

Passività per cassa

645.232

534.328

158.717

585.240

282.454

189.086

159.411

-

-

-

B.1 Depositi e conti correnti

645.232

108.402

92.395

259.629

282.454

189.086

159.411

-

-

-

- banche

72.079

72.000

35.000

170.471

33.072

20.000

-

-

-

-

- clientela

573.153

36.402

57.395

89.158

249.382

169.086

159.411

-

-

-

B.2 Titoli di debito

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

B.3 Altre passività

-

425.926

66.322

325.611

-

-

-

-

-

-

Operazioni "fuori bilancio"

-

-

-

-

-

-

-

227

-

-

C.1 Derivati finanziari con scambio di capitale

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni lunghe

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni corte

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

C.2 Derivati finanziari senza scambio di capitale

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni lunghe

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni corte

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

C.2 Depositi e finanziamenti da ricevere

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni lunghe

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni corte

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

C.3 Impegni irrevocabili a erogare fondi

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni lunghe

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

- posizioni corte

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

C.5 Garanzie finanziarie rilasciate

-

-

-

-

-

-

-

227

-

-

Operazione di autocartolarizzazione

Il 13 ottobre 2008 Banca IFIS, unitamente a Securitisation Services S.p.A. in qualità di Arranger, a BNP Paribas S.p.A. in qualità di Co-arranger e a IFIS Collection Services S.r.l., società veicolo costituita appositamente per l’operazione, ha dato avvio ad un programma di cartolarizzazione revolving che prevede la ricessione da parte di Banca IFIS, pro soluto ed ai sensi della Legge130/99, di un portafoglio di crediti commerciali performing verso debitori ceduti precedentemente acquistati dalla Banca dalla propria clientela nell'ambito della propria attività di factoring.

Il programma ha durata quinquennale e prevede la cessione di un portafoglio crediti commerciali verso debitori ceduti individuabili in blocco secondo criteri di eleggibilità contrattualmente predefiniti, particolarmente stringenti e rigorosi, al fine di garantire al portafoglio ceduto performances positive.

Il prezzo di cessione del portafoglio crediti è pari al valore nominale dedotto uno sconto pari allo 0,80% ed è corrisposto dal veicolo a Banca IFIS in parte alla data di cessione (prezzo a pronti), e in parte in via differita (prezzo differito). La componente di prezzo differito viene pagata dalla società veicolo subordinatamente all’effettiva disponibilità dei fondi derivante dall’incasso dei crediti ed è aggiornata su base dinamica ad ogni data di cessione, sulla base dei criteri previsti dal programma di cartolarizzazione.

A fronte del programma di cartolarizzazione, la società veicolo IFIS Collection Services S.r.l. ha emesso titoli asset backed a ricorso limitato per un importo iniziale di euro 280 milioni. In considerazione dell’ulteriore significativa crescita realizzata dal portafoglio crediti cartolarizzati, nel mese di maggio 2009 è stata emessa una ulteriore tranche di titoli Class A2 per euro 48 milioni, che ha così portato l’importo nominale complessivo dei titoli a euro 328 milioni. Anche tale tranche è stata integralmente sottoscritta da Banca IFIS.

I titoli sono interamente utilizzabili per operazioni di rifinanziamento presso la Banca Centrale Europea, anche alla luce delle evoluzioni normative introdotte dalla Guideline n.1 della Banca Centrale Europea del 4 marzo 2010.

In ossequio ai principi contabili IAS/IFRS, l’operazione di cartolarizzazione allo stato non configura trasferimento sostanziale di tutti i rischi e benefici, in quanto non soddisfa i requisiti previsti dallo IAS 39 in merito alla cosiddetta derecognition.

Esposizione verso strumenti considerati ad alto rischio – informativa

In considerazione delle finalità perseguite e della struttura tecnica delle operazioni di cartolarizzazione revolving di crediti commerciali in bonis descritte sopra, il Gruppo Banca IFIS non presenta esposizioni o rischi derivanti dalla negoziazione o dalla detenzione di prodotti strutturati di credito, siano queste effettuate direttamente o attraverso società veicolo o entità non consolidate. In particolare è opportuno evidenziare come le operazioni di cartolarizzazione non hanno dato origine alla rimozione di alcun rischio dall’attivo di bilancio del Gruppo, e ciò in quanto non sono soddisfatti i requisiti previsti dallo IAS 39 in merito alla cosiddetta derecognition. Collateralmente la sottoscrizione dei titoli rivenienti dalla cartolarizzazione non hanno aggiunto alcun rischio né ha mutato la rappresentazione di bilancio rispetto a quella preesistente alle operazioni di cartolarizzazione sopra descritte. Con riferimento alla Raccomandazione espressa nel Rapporto del Financial Stability Forum del 7 aprile 2008, Appendice B, è pertanto possibile dichiarare l’assenza di esposizioni in strumenti considerati dal mercato ad alto rischio o che implicano un rischio maggiore di quanto si ritenesse in precedenza.