La tabella che segue dettaglia la formazione dell’utile netto del periodo del Gruppo a partire dal risultato netto della gestione finanziaria, commentato in precedenza, confrontato con l’omologo periodo dell’esercizio precedente.

FORMAZIONE DELL'UTILE NETTO

(in migliaia di euro)

ESERCIZIO

VARIAZIONE

31.12.2010

31.12.2009

ASSOLUTA

%

Risultato netto della gestione finanziaria

69.986

60.592

9.394

15,5%

Costi operativi

(40.125)

(34.617)

(5.508)

15,9%

Utile dell'operatività corrente

al lordo delle imposte

29.861

25.975

3.886

15,0%

Imposte sul reddito

(11.235)

(8.759)

(2.476)

28,3%

Utile netto

18.626

17.216

1.410

8,2%

La dinamica dei costi operativi risente dell’espansione dell’attività e del potenziamento della struttura, in termini di presidio territoriale e di risorse umane che hanno aderito al progetto di Banca IFIS.

L’importo totale dei costi operativi raggiunge 40.125 mila euro, con un incremento del 15,9% rispetto al 31 dicembre 2009.

Il rapporto tra costi operativi e margine di intermediazione (cost/income ratio) si attesta al 42,5%, in discesa rispetto al 42,8% al 31 dicembre 2009.

COSTI OPERATIVI

(in migliaia di euro)

ESERCIZIO

VARIAZIONE

31.12.2010

31.12.2009

ASSOLUTA

%

Spese per il personale

25.176

21.544

3.632

16,9%

Altre spese amministrative

13.902

12.108

1.794

14,8%

Rettifiche di valore su immobilizzazioni materiali ed immateriali

2.483

2.371

112

4,7%

Altri oneri (proventi) di gestione

(1.436)

(1.406)

(30)

2,1%

Totale costi operativi

40.125

34.617

5.508

15,9%

L’incremento delle spese per il personale, che ammontano a 25.176 mila euro (+16,9% rispetto ai 21.544 mila euro al 31 dicembre 2009) corrisponde alle aspettative previsionali, in considerazione anche dell’incremento programmato nel numero degli addetti, che al 31 dicembre 2010 risulta pari a 339. L’incremento nel numero medio dei dipendenti rispetto all’esercizio precedente è dell’11,4%.

Le altre spese amministrative al 31 dicembre 2010 hanno raggiunto 13.902 mila euro contro 12.108 mila euro dell’omologo periodo dell’esercizio precedente (+14,8 %). Tale incremento trova spiegazione nei costi connessi con lo sviluppo dell’attività, in particolare per la selezione e la formazione delle risorse umane e per l’aggiornamento dei sistemi informatici. Sono incluse in questa voce alcune poste relative alla gestione del conto Rendimax, in primo luogo i costi per l’imposta di bollo sugli estratti conto, che si incrementano in diretta correlazione ai clienti operativi e che per politica commerciale non vengono riaddebitati alla clientela.

Occorre segnalare che parte delle spese incluse in tale voce (in particolare spese legali e imposte indirette) vengono riaddebitate alla clientela ed il relativo ricavo è rilevato negli altri proventi di gestione. Al netto di tale componente le altre spese amministrative risultano pari a 12.355 mila euro al 31 dicembre 2010, rispetto a 10.616 mila euro al 31 dicembre 2009 (+16,4 %).

ALTRE SPESE AMMINISTRATIVE

(in migliaia di euro)

ESERCIZIO

VARIAZIONE

31.12.2010

31.12.2009

ASSOLUTA

%

Spese per servizi professionali

2.433

2.019

414

20,5%

Legali e consulenze

1.577

1.540

37

2,4%

Servizi di outsourcing

548

289

259

89,6%

Revisione

308

190

118

62,1%

Imposte indirette e tasse

2.361

1.851

510

27,6%

Spese per acquisto di beni

e servizi non professionali

9.108

8.238

870

10,6%

Spese relative agli immobili

2.430

2.226

204

9,2%

Informazione clienti

971

977

(6)

(0,6)%

Spese telefoniche e trasmissione dati

835

705

130

18,4%

Spese spedizione documenti

725

680

45

6,6%

Pubblicità e inserzioni

698

799

(101)

(12,6)%

Assistenza e noleggio software

491

336

155

46,1%

Altre spese diverse

2.958

2.515

443

17,6%

Totale altre spese amministrative

13.902

12.108

1.794

14,8%

Recuperi di spesa

(1.547)

(1.492)

(55)

3,7%

Totale altre spese amministrative nette

12.355

10.616

1.739

16,4%

Le altre spese diverse includono per 194 mila euro i costi di gestione del veicolo istituito ai fini del programma di cartolarizzazione revolving di crediti commerciali.

Le rettifiche di valore nette su attività immateriali si attestano al 31 dicembre 2010 a 1.153 mila euro, in aumento del 7,2% rispetto all’esercizio 2009, sostanzialmente riferibile a supporti informatici, mentre le rettifiche di valore nette su attività materiali risultano pari a 1.330 mila euro rispetto a 1.295 mila euro al 31 dicembre 2009 (+2,7%).

Gli altri proventi netti di gestione, pari a 1.436 mila euro (+2,1% rispetto a 1.406 mila euro al 31 dicembre 2009), raccolgono principalmente i ricavi derivanti da recuperi di spese a carico di terzi; la relativa voce di costo è inclusa nelle altre spese amministrative, in particolare tra le spese legali e le imposte indirette.

L’utile lordo si attesta a 29.861 mila euro, in aumento del 15% rispetto al 31 dicembre 2009.

Le imposte sul reddito ammontano a 11.235 mila euro, contro 8.759 mila euro al 31 dicembre 2009 (+28,3%).

L’utile netto totalizza 18.626 mila euro, rispetto ai 17.216 mila euro dell’esercizio 2009 (+8,2%). In assenza di utili di terzi, il risultato è interamente riferibile al Gruppo.